NOTA! Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Trattamento dei dati personali

In riferimento al D.lgs 30 giugno 2003 n. 196 (codice in materia di protezione dei dati personali), le comunichiamo che ogni attenzione è posta a tutelare la riservatezza e la privacy dei visitatori del presente sito ed il trattamento dei suoi dati personali è finalizzato alla gestione delle operazioni descritte ed all'invio di nostro materiale informativo.
L’informativa è resa soltanto per il sito centrostudistasa.eu e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite appositi link
L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica ai nostri indirizzi e-mail di contatto comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessaria per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali contenuti nella missiva, che saranno utilizzati solo per lo scambio di informazioni tra centrostudistasa ed il proprietario dell'indirizzo e-mail inviato.
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettifica (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003) . Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le richieste vanno inoltrate al Titolare del trattamento.
Per far valere tali diritti, l'Utente può rivolgersi direttamente al Titolare del Trattamento dei Dati personali all'indirizzo centrostudistasa@gmail.com

Gli applicativi software utilizzati in questo Sito possono contenere la tecnologia “cookie”. I cookie hanno principalmente la funzione di agevolare la navigazione da parte dell’utente. I cookie potranno fornire informazioni sulla navigazione all’interno del Sito e permettere il funzionamento di alcuni servizi che richiedono l’identificazione del percorso dell’utente attraverso diverse pagine del Sito. Per qualsiasi accesso al sito, indipendentemente dalla presenza di un cookie, vengono registrati il tipo di browser, il sistema operativo (es. Microsoft, Apple, Android, Linux, ecc…), l’Host e l’URL di provenienza del visitatore, oltre ai dati sulla pagina richiesta. L’utente ha comunque modo di impostare il proprio browser in modo da essere informato quando ricevete un cookie e decidere in questo modo di eliminarlo. Ulteriori informazioni sui cookie sono reperibili sui siti web dei fornitori di browser.

Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccole stringhe di testo che vengono salvate nel computer dell’utente quando si visitano determinate pagine su internet. Nella maggior parte dei browser i cookie sono abilitati di default, tuttavia in fondo a questa pagina ci sono le informazioni necessarie per modificare le impostazioni dei cookie sui browser. I cookie che generiamo non sono dannosi per il device, non conserviamo informazioni identificative personali, ma usiamo informazioni per migliorare la permanenza sul sito. Per esempio sono utili per identificare e risolvere errori.
I cookie possono svolgere diverse funzioni, come ad esempio di navigare fra le varie pagine in modo efficiente e in generale possono migliorare la permanenza dell’utente. Il titolare si riserva il diritto di utilizzare i cookie, con il consenso dell’utente ove la legge o i regolamenti applicabili così stabiliscano, per facilitare la navigazione su questo sito e personalizzare le informazioni che appariranno. Il titolare si riserva inoltre il diritto di usare sistemi simili per raccogliere informazioni sugli utenti del sito, quali ad esempio tipo di browser internet e sistema operativo utilizzato, per finalità statistiche o di sicurezza

Tipi di cookie

I cookie poi si distinguono in “di sessione” e “persistenti”, i primi una volta scaricati vengono poi eliminati alla chiusura del Browser, i secondi invece vengono memorizzati fino alla loro scadenza o cancellazione. I cookie di sessione utilizzati hanno lo scopo di velocizzare l’analisi del traffico su Internet e facilitare agli utenti l’accesso ai servizi offerti dal sito. I cookie di sessione vengono principalmente utilizzati in fase di autenticazione, autorizzazione e navigazione nei servizi ai quali si accede tramite una registrazione. La maggior parte dei browser è impostata per accettare i cookie. Se non si desidera accettare i cookie, è possibile impostare il computer affinché li rifiuti oppure visualizzi un avviso quando essi vengono archiviati. Se l’interessato rifiuta l’uso dei cookie alcune funzionalità del sito potrebbero non funzionare correttamente ed alcuni dei servizi non essere disponibili. L’uso di c.d. cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione, necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Tali dati hanno natura tecnica, validità temporanea e non sono raccolti allo scopo di identificare gli utenti ma, per via del loro funzionamento e in combinazione con altri dati detenuti da soggetti terzi (ad esempio il fornitore di connessione Internet dell’interessato), potrebbero permetterne l’identificazione. I Cookie di prima parte sono leggibili al solo dominio che li ha creati.

Che cookie utilizziamo?

Cookie strettamente necessari al funzionamento del sito:
Sono cookie indispensabili alla navigazione sul sito (per esempio gli identificativi di sessione) che consentono di utilizzare le principali funzionalità del sito e di proteggere la connessione. Senza questi cookie, non sarà possibile utilizzare normalmente il sito.

Cookie di aiuto alla navigazione:

Questi cookie aiutano alla navigazione. Ad esempio memorizzano informazioni in merito alla lingua preferita.

Cookie di terze parti:

Questo sito utilizza i seguenti cookie di terze parti. Per il funzionamento dei cookie in Google Analytics potete consultare la documentazione ufficiale fornita da Google cliccando su QUESTO LINK.

Come posso disabilitare i cookie?

La maggior parte dei browser accettano i cookie automaticamente, ma potete anche scegliere di non accettarli. Se non desideri che il tuo computer riceva e memorizzi cookie, puoi modificare le impostazioni di sicurezza del browser (Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Safari ecc…).

Esistono diversi modi per gestire i cookie e altre tecnologie di tracciabilità. Modificando le impostazioni del browser, si possono accettare o rifiutare i cookie o decidere di ricevere un messaggio di avviso prima di accettare un cookie dai siti Web visitati. Si possono eliminare tutti i cookie installati nella cartella dei cookie del suo browser. Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni.

Fate clic su uno dei collegamenti sottostanti per ottenere istruzioni specifiche:

Microsoft Internet Explorer

Cliccare l’icona ‘Strumenti’ nell’angolo in alto a destra e selezionare ‘Opzioni internet’. Nella finestra pop up selezionare ‘Privacy’.
Qui potrete regolare le impostazioni dei vostri cookie oppure tramite il seguente LINK.

Google Chrome

Cliccare la chiave inglese nell’angolo in alto a destra e selezionare ‘Impostazioni’. A questo punto selezionare ‘Mostra impostazioni avanzate’ (“Under the hood’”) e cambiare le impostazioni della ‘Privacy’.
Qui potrete regolare le impostazioni dei vostri cookie oppure tramite il seguente LINK.

Mozilla Firefox

Dal menu a tendina nell’angolo in alto a sinistra selezionare ‘Opzioni’. Nella finestra di pop up selezionare ‘Privacy’.
Qui potrete regolare le impostazioni dei vostri cookie, oppure tramite il seguente LINK.

Apple Safari

Dal menu di impostazione a tendina nell’angolo in alto a destra selezionare ‘Preferenze’. Selezionare ‘Sicurezza’.
Qui potrete regolare le impostazioni dei vostri cookie oppure tramite il seguente LINK.

Se non si utilizza nessuno dei browser sopra elencati, seleziona “cookie” nella relativa sezione della guida per scoprire dove si trova la tua cartella dei cookie.

Cookie Google Analytics

Per disabilitare i cookie analitici e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, scaricare il Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Clicca sui link per andare a disabilitare i cookie dei rispettivi servizi di terzi:

Servizi di Google

Facebook

Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

 
 

0
0
0
s2sdefault

img 1

di Yari FRANCIOSA *

Nel corso degli anni, la rapida evoluzione della tecnologia ha notevolmente aiutato l'industria aeronautica a migliorare la sicurezza e le prestazioni, riuscendo nel contempo a ridurre i costi e il consumo di energia. In particolare, l'uso del simulatore di volo per l'addestramento dei piloti è stato fondamentale per raggiungere questi obiettivi. Questi simulatori sono vere e proprie cabine di pilotaggio a grandezza naturale che replicano accuratamente gli aerei reali o le loro parti, utilizzati dalle compagnie aeree per l'addestramento degli equipaggi di volo. Oggi è disponibile un'ampia gamma di simulatori di volo per l'addestramento: dai semplici sistemi desktop ai dispositivi di addestramento procedurale sino ai simulatori di volo full flight, cioè con la possibilità di movimento. L'EASA (2012) classifica questi simulatori in base ad un determinato set dei requisiti che questi sistemi devono soddisfare, suddividendoli in dispositivi di addestramento strumentale di base, addestratori di procedure di volo e navigazione, dispositivi di addestramento al volo (livello 1 e 2) e simulatori di volo full flight (livello A – D). Ma oggi l'avvento delle tecnologie avanzate può sfidare l'industria ad andare avanti. Uno degli sviluppi che sta guadagnando molte attenzioni è la tecnologia legata alla realtà virtuale (VR).

 La realtà virtuale è una branca dell'informatica che consente agli utenti di immergersi e interagire in un ambiente simulato. Viene definita da Rheingold (1991) come un'esperienza in cui una persona è “circondata da una rappresentazione tridimensionale generata dal computer, ed è in grado di muoversi nel mondo virtuale e vederlo da diverse angolazioni, per raggiungerlo, afferrarlo e rimodellarlo ". La tecnologia VR presenta un ambiente completamente sintetico per un utente mentre omette completamente il mondo reale. I sistemi che offrono invece un tipo di fusione visiva tra il mondo reale e quello virtuale rientrano nel termine "realtà mista", e la più nota di queste tecnologie è la realtà aumentata. A partire da giochi e intrattenimento, la VR ha rapidamente trovato la sua funzionalità in una varietà di settori, come l'istruzione, l'edilizia, la vendita al dettaglio e la medicina. La VR consente di apprendere più rapidamente e di prendere decisioni basate non solo sull'intuizione, ma anche sull'empatia e sui dati.

Un concetto importante per la VR si chiama in inglese embodiment, definito come la sensazione di capitare o essere presenti in un luogo o in un oggetto. In particolare, viene attivata la corteccia motoria situata nei lobi frontali del sistema sensoriale umano in modo simile a un'esperienza di vita reale. Quando la realizzazione si ottiene con la VR, essa consente al cervello umano di diventare più preciso nella codifica delle memorie. A seguito di una ricerca dell'Università di Maryland, si è scoperto che quando si apprende in VR, si verifica un miglioramento del 9% nella precisione del richiamo della memoria dell'utente rispetto all'apprendimento guardando uno schermo (Krokos et al., 2016). Inoltre, un altro studio di StriVR ha dimostrato che i tempi di richiamo e di risposta del cervello a seguito dell'esperienza VR possono migliorare del 12%, portando a un apprendimento più rapido e accurato rispetto ai metodi di studio tradizionali (Casale, 2017). Vi è un crescente ramo di ricerche che dimostrano che l'apprendimento tramite VR può avere un impatto maggiore sul mondo reale rispetto ai metodi di apprendimento tradizionali.

Grazie alla VR si può quindi migliorare l’apprendimento attraverso un'esperienza sensoriale più arricchita, con una prospettiva che si adatta alle esigenze del mondo reale, e con la creazione di un'esperienza più motivante. Inoltre, alcune terapie con l’uso della VR hanno dimostrato efficacia nel ridurre la paura dell'altezza, del volo e del parlare in pubblico e che può essere utile per il trattamento del disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Sebbene diversi studi abbiano paragonato le terapie con l’uso del VR a quelle senza alcun trattamento, altri indicano che la terapia di esposizione con la VR e nella vita reale siano ugualmente efficaci. In altre parole, anche quando i pazienti sanno che la realtà virtuale non è reale, parti del cervello rispondono comunque come se lo fosse (Freeman et al., 2018). In questi studi è stato osservato che anche se i lobi frontali del cervello (che si occupano di funzioni cognitive superiori, come la pianificazione e la risoluzione dei problemi) analizzano le informazioni ricevute realizzando di essere in una simulazione, la risposta fight or flight del sistema limbico reagisce comunque alle informazioni sensoriali che riceve dalla simulazione.

img 2

Queste tecnologie coinvolgono diversi campi di conoscenza, consentendo diversi livelli di implementazione che si adattano alle diverse esigenze dell'utente. Quindi, i sistemi VR possono essere utilizzati con un'interfaccia tattile o possono essere eseguiti in un semplice computer desktop guidato da un mouse. Tutto dipende dalle azioni previste da eseguire. Indipendentemente dall'ambiente scelto, che determinerà il livello di immersione dell'utente nel sistema, l'interazione e la simulazione dei modelli è uno strumento molto potente già dalle prime fasi di progettazione, fino ai sistemi di addestramento di un operatore.

C'è poi una terza caratteristica dei sistemi VR da prendere in considerazione: la semplicità. Uno strumento VR, nel contesto sopra indicato, deve essere molto semplice e utilizzabile da personale non specializzato. Dal fatto di lavorare con un modello realistico e di utilizzare un'interfaccia intuitiva (solo le mani dell'utente) l'utente ha la sensazione di essere quasi nel mondo reale.

Tutti questi studi dimostrano che l'applicazione della realtà virtuale nell'aviazione presenta infinite possibilità, dall'addestramento dei piloti, alla manutenzione, ma anche all'intrattenimento in volo. Esistono infatti numerosi casi in cui l’utilizzo della VR può apportare vantaggi significativi alle compagnie aeree e all'intera industria aeronautica. Uno tra questi è l’addestramento per la manutenzione e l’equipaggio cabina. Recentemente, compagnie come la Lufthansa Aviation Training hanno lanciato il primo training VR per l'equipaggio di cabina e manutenzione. In futuro, la formazione periodica degli assistenti di volo e tecnici manutentori avrà luogo nei moderni hub di realtà virtuale. Interessante è anche l’utilizzo del mondo virtuale da parte dell’Air Force americana, che usufruisce della tecnologia come parte dell’addestramento per chi soffre di PTSD, ottenendo risultati particolarmente positivi.

Più complessa è la situazione per quanto riguarda l’addestramento dei piloti. Con l'avvento della simulazione basata sulla VR, gli utenti possono essere addestrati indossando cuffie e utilizzando un joystick, una pedaliera e possibilmente una throttle. Il resto può essere generato dalla tecnologia VR, che immerge l’utente in uno scenario di addestramento realistico. Tuttavia, uno studio (Oberhauser et al., 2017) ha però evidenziato che la fedeltà di un simulatore di volo con tecnologia VR è significativamente inferiore rispetto alla fedeltà di un simulatore di volo convenzionale e quindi non può sostituire quest'ultimo, in particolare se il comportamento e le prestazioni del pilota devono essere il più vicino possibile alla realtà. Infatti, mentre il cervello umano è programmato per apprendere con anche l’uso del senso tattile e del movimento, il rovescio della medaglia della VR è che tutti i controlli sono rendering digitali. L'addestramento del pilota infatti richiede l'interazione tattile con l'equipaggiamento dell'aeromobile per acquisire le necessarie technical skills, e la necessità di provare vere emozioni di volo per imparare a combattere lo stress. Seppur non potendo sostituire l’addestramento specifico al simulatore full flight, la VR può apportare grossi benefici già nelle fasi iniziali dell’apprendimento, ad esempio con dei modelli di mock-up virtuali, essenziali per l’apprendimento di procedure e per la familiarizzazione del cockpit, riducendo la quantità di tempo e costi richiesti.

Questa necessaria combinazione per addestramento tra la VR ed altre esperienze, quali ad esempio quella degli attuali simulatori di volo, è ulteriormente resa necessaria dalla possibile dipendenza che la VR potrebbe comportare, una patologia già esistente sotto altre forme ma che potrebbe inasprirsi in futuro con l’aumentare dell’uso di queste tecnologie. L’assuefazione causata dalla VR, se utilizzata per la simulazione di situazioni critiche, può portare un soggetto in situazioni reali ad osare più di quello che la circostanza consentirebbe. L'industria aeronautica è quindi molto divisa sull'efficacia dell'uso di un sistema di addestramento per piloti di realtà virtuale. Al momento non ci sono prove che la realtà virtuale sia un'alternativa migliore ai simulatori fisici, ma questa evidenza è destinata a cambiare.

img 3

Recentemente l’EASA ha rilasciato il primo certificato ad un simulatore di volo per elicotteri (Flight Simulator Training Device – FSTD) basato sulla tecnologia VR, sviluppata dall’azienda VRM Switzerland (VR Motion Ltd.), e qualificando il simulatore come Flight and Navigation Procedures Trainer (FNPT) di livello 2, utilizzato per l’addestramento iniziale dei piloti di elicottero. Una cosa è certa: l'uso della VR nell'aviazione non può più essere ignorato. Le simulazioni di volo VR possono aprire le possibilità di una carriera nel settore dell'aviazione per un'intera nuova generazione riducendo significativamente i costi di addestramento del pilota.

 

* Yari FRANCIOSA  Capt. B 737-800 , Line Training Captain Ryanair

0
0
0
s2sdefault

bannercni nologo

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Collaborazioni