NOTA! Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Trattamento dei dati personali

In riferimento al D.lgs 30 giugno 2003 n. 196 (codice in materia di protezione dei dati personali), le comunichiamo che ogni attenzione è posta a tutelare la riservatezza e la privacy dei visitatori del presente sito ed il trattamento dei suoi dati personali è finalizzato alla gestione delle operazioni descritte ed all'invio di nostro materiale informativo.
L’informativa è resa soltanto per il sito centrostudistasa.eu e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite appositi link
L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica ai nostri indirizzi e-mail di contatto comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessaria per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali contenuti nella missiva, che saranno utilizzati solo per lo scambio di informazioni tra centrostudistasa ed il proprietario dell'indirizzo e-mail inviato.
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettifica (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003) . Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le richieste vanno inoltrate al Titolare del trattamento.
Per far valere tali diritti, l'Utente può rivolgersi direttamente al Titolare del Trattamento dei Dati personali all'indirizzo centrostudistasa@gmail.com

Gli applicativi software utilizzati in questo Sito possono contenere la tecnologia “cookie”. I cookie hanno principalmente la funzione di agevolare la navigazione da parte dell’utente. I cookie potranno fornire informazioni sulla navigazione all’interno del Sito e permettere il funzionamento di alcuni servizi che richiedono l’identificazione del percorso dell’utente attraverso diverse pagine del Sito. Per qualsiasi accesso al sito, indipendentemente dalla presenza di un cookie, vengono registrati il tipo di browser, il sistema operativo (es. Microsoft, Apple, Android, Linux, ecc…), l’Host e l’URL di provenienza del visitatore, oltre ai dati sulla pagina richiesta. L’utente ha comunque modo di impostare il proprio browser in modo da essere informato quando ricevete un cookie e decidere in questo modo di eliminarlo. Ulteriori informazioni sui cookie sono reperibili sui siti web dei fornitori di browser.

Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccole stringhe di testo che vengono salvate nel computer dell’utente quando si visitano determinate pagine su internet. Nella maggior parte dei browser i cookie sono abilitati di default, tuttavia in fondo a questa pagina ci sono le informazioni necessarie per modificare le impostazioni dei cookie sui browser. I cookie che generiamo non sono dannosi per il device, non conserviamo informazioni identificative personali, ma usiamo informazioni per migliorare la permanenza sul sito. Per esempio sono utili per identificare e risolvere errori.
I cookie possono svolgere diverse funzioni, come ad esempio di navigare fra le varie pagine in modo efficiente e in generale possono migliorare la permanenza dell’utente. Il titolare si riserva il diritto di utilizzare i cookie, con il consenso dell’utente ove la legge o i regolamenti applicabili così stabiliscano, per facilitare la navigazione su questo sito e personalizzare le informazioni che appariranno. Il titolare si riserva inoltre il diritto di usare sistemi simili per raccogliere informazioni sugli utenti del sito, quali ad esempio tipo di browser internet e sistema operativo utilizzato, per finalità statistiche o di sicurezza

Tipi di cookie

I cookie poi si distinguono in “di sessione” e “persistenti”, i primi una volta scaricati vengono poi eliminati alla chiusura del Browser, i secondi invece vengono memorizzati fino alla loro scadenza o cancellazione. I cookie di sessione utilizzati hanno lo scopo di velocizzare l’analisi del traffico su Internet e facilitare agli utenti l’accesso ai servizi offerti dal sito. I cookie di sessione vengono principalmente utilizzati in fase di autenticazione, autorizzazione e navigazione nei servizi ai quali si accede tramite una registrazione. La maggior parte dei browser è impostata per accettare i cookie. Se non si desidera accettare i cookie, è possibile impostare il computer affinché li rifiuti oppure visualizzi un avviso quando essi vengono archiviati. Se l’interessato rifiuta l’uso dei cookie alcune funzionalità del sito potrebbero non funzionare correttamente ed alcuni dei servizi non essere disponibili. L’uso di c.d. cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione, necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Tali dati hanno natura tecnica, validità temporanea e non sono raccolti allo scopo di identificare gli utenti ma, per via del loro funzionamento e in combinazione con altri dati detenuti da soggetti terzi (ad esempio il fornitore di connessione Internet dell’interessato), potrebbero permetterne l’identificazione. I Cookie di prima parte sono leggibili al solo dominio che li ha creati.

Che cookie utilizziamo?

Cookie strettamente necessari al funzionamento del sito:
Sono cookie indispensabili alla navigazione sul sito (per esempio gli identificativi di sessione) che consentono di utilizzare le principali funzionalità del sito e di proteggere la connessione. Senza questi cookie, non sarà possibile utilizzare normalmente il sito.

Cookie di aiuto alla navigazione:

Questi cookie aiutano alla navigazione. Ad esempio memorizzano informazioni in merito alla lingua preferita.

Cookie di terze parti:

Questo sito utilizza i seguenti cookie di terze parti. Per il funzionamento dei cookie in Google Analytics potete consultare la documentazione ufficiale fornita da Google cliccando su QUESTO LINK.

Come posso disabilitare i cookie?

La maggior parte dei browser accettano i cookie automaticamente, ma potete anche scegliere di non accettarli. Se non desideri che il tuo computer riceva e memorizzi cookie, puoi modificare le impostazioni di sicurezza del browser (Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Safari ecc…).

Esistono diversi modi per gestire i cookie e altre tecnologie di tracciabilità. Modificando le impostazioni del browser, si possono accettare o rifiutare i cookie o decidere di ricevere un messaggio di avviso prima di accettare un cookie dai siti Web visitati. Si possono eliminare tutti i cookie installati nella cartella dei cookie del suo browser. Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni.

Fate clic su uno dei collegamenti sottostanti per ottenere istruzioni specifiche:

Microsoft Internet Explorer

Cliccare l’icona ‘Strumenti’ nell’angolo in alto a destra e selezionare ‘Opzioni internet’. Nella finestra pop up selezionare ‘Privacy’.
Qui potrete regolare le impostazioni dei vostri cookie oppure tramite il seguente LINK.

Google Chrome

Cliccare la chiave inglese nell’angolo in alto a destra e selezionare ‘Impostazioni’. A questo punto selezionare ‘Mostra impostazioni avanzate’ (“Under the hood’”) e cambiare le impostazioni della ‘Privacy’.
Qui potrete regolare le impostazioni dei vostri cookie oppure tramite il seguente LINK.

Mozilla Firefox

Dal menu a tendina nell’angolo in alto a sinistra selezionare ‘Opzioni’. Nella finestra di pop up selezionare ‘Privacy’.
Qui potrete regolare le impostazioni dei vostri cookie, oppure tramite il seguente LINK.

Apple Safari

Dal menu di impostazione a tendina nell’angolo in alto a destra selezionare ‘Preferenze’. Selezionare ‘Sicurezza’.
Qui potrete regolare le impostazioni dei vostri cookie oppure tramite il seguente LINK.

Se non si utilizza nessuno dei browser sopra elencati, seleziona “cookie” nella relativa sezione della guida per scoprire dove si trova la tua cartella dei cookie.

Cookie Google Analytics

Per disabilitare i cookie analitici e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, scaricare il Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Clicca sui link per andare a disabilitare i cookie dei rispettivi servizi di terzi:

Servizi di Google

Facebook

Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

 

0
0
0
s2sdefault

            

roadmap just culturegiustiziaLa Camera dei Deputati ha approvato senza emendamenti il disegno di legge C-259, proposto dall’onorevole Federico Gelli, che reca “disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, così come ricevuto dal Senato della Repubblica .

L’intervento normativo di riordino della materia si pone l’obiettivo di combattere il fenomeno della “medicina difensiva”, ossia l'eccessive visite, test diagnostici ed esami, di dubbia necessità, che i medici prescrivono al fine di cautelarsi da eventuali denunce dei pazienti .

La legge Gelli, in linea con il processo già avviatosi mediante la legge Balduzzi, si propone, pertanto, di raggiungere un equilibrio tra tutela del paziente e contenimento del contenzioso.

La riforma affronta e disciplina i temi della sicurezza delle cure e del rischio sanitario, della responsabilità dell’esercente la professione sanitaria e della struttura sanitaria pubblica o privata, delle modalità e caratteristiche dei procedimenti giudiziari aventi ad oggetto la responsabilità sanitaria, nonché degli obblighi di assicurazione e dell’istituzione del Fondo di garanzia per i soggetti danneggiati da responsabilità sanitaria.

La riforma, oltre ad importanti aspetti amministrativi, tocca la responsabilità penale e civile del medico .

Nel 2012, con la legge Balduzzi (l. n. 189/2012) si venivano a prevedere due requisiti per l’irrilevanza penale del fatto illecito colposo commesso dal medico:

  • il rispetto delle linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica,
  • l’assenza di colpa grave (art. 3, legge cit.).

Con la legge Balduzzi si veniva a superare l’orientamento che anche la colpa lieve poteva senz’altro assumere rilevanza criminale. Tendenza che aveva avuto l’effetto di  far aumentare a dismisura il contenzioso nei confronti dei medici con un conseguente proliferare delle condanne penali e l’esplosione della sopra riferita  “medicina difensiva”.

Infatti da una ricerca fatta alcuni anni fa dall'Universita' Milano-Bicocca, in collaborazione con l'Usl della Valle d'Aosta e l'AcEMC ( Academy of Emergency Medicine and Care) sui comportamenti difensivi di un campione di circa 1.400 medici, di cui circa trecento pediatri, provenienti dai Pronto Soccorso di tutte le regioni d’Italia, era emerso come sempre più i medici tendessero a ridurre la propria esposizione al contenzioso legale prescrivendo esami, procedure o visite non utili al malato oppure evitando pazienti o procedure a rischio.

In realtà la legge Balduzzi limitando alla colpa lieve il motivo di non punibilità non è parsa in questi 5 anni aver arginato il fenomeno anzi lo stesso è cresciuto in modo esponenziale di tal ché è stato calcolato che la medicina difensiva giungesse a produrre per lo Stato un danno di circa 10 mld l’anno.

Questo perché vi è stata contezza nella categoria che in buona sostanza la legge Balduzzi non avesse alleggerito la responsabilità penale dei medici.

Non solo ma occorre sottolineare anche che la giurisprudenza prevalente ha ritenuto in questi anni che la legge Balduzzi abbia previsto la scriminante della colpa lieve nei soli casi di imperizia, e non di negligenza o imprudenza. Tale conclusione, avanzata da alcune sentenze era incentrata sull’assunto che le linee guida e le buone pratiche contenessero esclusivamente regole di perizia. Vale a dire, il medico che, pur seguendo le indicazioni della comunità scientifica, avesse cagionato un evento criminoso per negligenza o imprudenza, sarebbe stato penalmente responsabile per colpa, sia essa lieve o grave.

La legge Gelli recepisce oggi l’orientamento giurisprudenziale prevalente formatosi sull’art. 3 della legge Balduzzi, e ha provveduto ad abrogare detto articolo inserendo il nuovo articolo 590-sexies, dal titolo“Responsabilità colposa per morte o lesioni personali in ambito sanitario” che recita:

“(comma 1) Se i fatti di cui agli articoli 589 e 590 sono commessi nell’esercizio della professione sanitaria, si applicano le pene ivi previste salvo quanto disposto dal secondo comma. (comma 2) Qualora l’evento si sia verificato a causa di imperizia, la punibilità è esclusa quando sono rispettate le raccomandazioni previste dalle linee guida come definite e pubblicate ai sensi di legge ovvero, in mancanza di queste, le buone pratiche clinico – assistenziali, sempre che le raccomandazioni previste dalle predette linee guida risultino adeguate alle specificità del caso concreto”.

E’ quindi scomparso ogni riferimento al delicato concetto di colpa grave e la scriminante con la legge Gelli opera solo in caso di colpa (grave o lieve) per imperizia. Resta fermo il rispetto delle linee guida e buone pratiche. Linee guida e buone pratiche che sono finalmente “definite e pubblicate ai sensi di legge”

Per quanto attiene poi la responsabilità civile dei medici l’art. 7 stabilisce una netta bipartizione delle responsabilità della struttura sanitaria e della persona fisica per i danni occorsi ai pazienti.

La struttura sanitaria assume una responsabilità di natura contrattuale ex art. 1218 cod. civ., mentre il medico, salvo il caso di obbligazione contrattuale assunta con il paziente, risponde in via extracontrattuale ex art. 2043 cod. civ..

La legge Gelli diversifica le due posizioni, spostando il rischio sul soggetto economicamente più capace. Ciò, sicuramente, avvantaggia sia gli operatori sanitari che rispondono solo dei danni integralmente provati dal paziente, sia il paziente medesimo che viene invitato ad agire contro chi più facilmente può ristorare i danni.

L’articolo 8 prevede poi  l’introduzione di un tentativo obbligatorio di conciliazione a carico di chi intenda esercitare in giudizio un’azione risarcitoria.

Infine, la riforma introduce precisi obblighi assicurativi in capo alle strutture sanitarie ed agli operatori sanitari al fine di rendere effettiva l’eventuale condanna di tali soggetti al risarcimento dei danni cagionati ai pazienti.

E’ previsto l’obbligo di assicurazione per la responsabilità contrattuale (ex artt. 1218 e 1228 c.c.) verso terzi e verso i prestatori d’opera, a carico delle strutture sanitarie e sociosanitarie, pubbliche e private, anche per i danni cagionati dal personale a qualunque titolo operante presso le strutture medesime.

Si fissa poi l’obbligo, per le strutture in esame, di stipulare una ulteriore polizza assicurativa per la copertura della responsabilità extracontrattuale (ex art. 2043 c.c.) verso terzi degli esercenti le professioni sanitarie, per l’ipotesi in cui il danneggiato esperisca azione direttamente nei confronti del professionista.

Infine, è fatto obbligo di assicurazione a carico del professionista sanitario che svolga l’attività al di fuori di una delle predette strutture o che presti la sua opera all’interno della stessa in regime libero-professionale, ovvero che si avvalga della stessa nell’adempimento della propria obbligazione contrattuale assunta con il paziente, per i rischi derivanti dall’esercizio della medesima attività.

Possiamo ben dire che la legge Gelli introduce finalmente anche nel mondo della sanità alcuni principi sulla valutazione degli errori commessi da chi opera nelle organizzazioni complesse e conseguentemente su colpe e responsabilità degli operatori che sono abbastanza in linea con gli orientamenti di organismi internazionali, quali quelli che sono a presidio dell’Aviazione Civile, che incoraggiano la diffusione di una diversa cultura nel valutare azioni o omissioni, la  “just culture”.

L’ICAO (International Civil Aviation Organization) ha recentemente adottato la seguente definizione di “just culture”: «Una cultura nella quale gli operatori di prima linea o altri non vengano puniti per azioni, omissioni o decisioni da essi adottate, che siano proporzionali alla loro esperienza e addestramento, ma nella quale non sono tollerate colpe gravi, violazioni intenzionali o atti dolosi».

Risulta facile l’accostamento tra questa definizione e  il 2^ comma del nuovo articolo 590-sexies laddove prevede che “qualora l’evento si sia verificato a causa di imperizia, la punibilità è esclusa quando sono rispettate le raccomandazioni previste dalle linee guida come definite e pubblicate ai sensi di legge”.

Ci pare di poter dire che siamo sulla strada buona per far sviluppare nel Paese una cultura nuova sulla valutazione degli errori.

Il facile  ricorso al diritto penale sembrava aver fagocitato ogni possibile strumento di prevenzione anche in campo sanitario trasformando la politica di regolamentazione dei rischi in una politica di criminalizzazione dei rischi. Ora le cose sembrano cambiare e privilegiare lo sviluppo della just culture su cui fino a ieri prevaleva la blame culture.

Alla luce di una norma innovativa che , con tutta probabilità, verrà estesa per opera della giurisprudenza a tutte le professioni  a così detto rischio consentito vale la pena ricordare alcuni verdetti definitivi che oggi, presumibilmente, andrebbero diversamente valutati.

Uno tra tutti: la sentenza definitiva per l’incidente aereo di Cagliari del 2004.

Ricordiamo brevemente i fatti.

Il 17 Marzo 2008 il Tribunale Penale di Cagliari ha condannato due Controllori del traffico aereo in servizio a Cagliari avvicinamento alla pena di tre anni di reclusione (ridotti ad anni 2 per la scelta del rito abbreviato).

L’accusa è stata di aver cagionato    per colpa, consistita in imprudenza, negligenza, imperizia e inosservanza di norme di comune esperienza e di quelle specifiche regolanti la materia, la caduta di un aeromobile C500 volo ospedale  in particolare per aver autorizzato, sia pure a richiesta del pilota, un avvicinamento a vista notturno (Visual Approach) senza fornire al pilota tutte le informazioni necessarie sull’orografia

Il verdetto di colpevolezza (si legge in motivazione) si è incentrato in particolare sul fatto di aver autorizzato, sia pure su richiesta del pilota, un avvicinamento a vista notturno (Visual Approach) “senza fornire al pilota stesso tutte le informazioni necessarie”.

Il comportamento del personale addetto al controllo del traffico aereo, in realtà, è stato conforme a quanto previsto dalle norme tecniche nazionali ed internazionali che disciplinano l’esercizio di tale professione.

I Controllori condannati hanno verificato che sussistessero le condizioni fissate dalle norme tecniche (manuale militare), con scrupolosa insistenza, così come si evince dagli atti del processo, in particolare dalla registrazione delle comunicazioni radio. Conferma di ciò si è avuta non solo dalla relazione peritale dei cinque consulenti tecnici del Pubblico Ministero che hanno certificato che i comportamenti degli operatori sono stati in linea con i regolamenti e le norme tecniche in vigore  , ma anche da alcune raccomandazioni diffuse dall’Agenzia Nazionale Sicurezza Volo (ANSV) nel corso dell’inchiesta amministrativa aperta subito dopo l’incidente.

Ciò nonostante la Corte d’Appello del Tribunale Penale di Cagliari, il 18 marzo 2010 convalidava  la condanna comminata nel primo grado di giudizio (3 anni ridotti a 2 per la scelta del rito abbreviato).

La Corte di Cassazione il 10 dicembre 2010 rigettava poi il ricorso presentato dall’avvocato dello Stato della difesa e confermava la sentenza di condanna della Corte di appello di Cagliari.

ENAC è  intervenuta, dopo tale pronuncia, con lettera del Presidente al Ministro dei Trasporti affinché gli uffici legali del dicastero, in  coordinamento con l’omologo Ufficio della Difesa, si facessero promotori "di un apposito provvedimento legislativo che chiarisse definitivamente la esclusività e la prevalenza delle norme internazionali e comunitarie nella complessa materia dei servizi di navigazione aerea" e recepisse, in campo penale, i principi della just culture (ndr. nel senso di evitare troppo facili criminalizzazioni per errori non intenzionali di professionisti che svolgono attività a così detto rischio autorizzato) . Ciò al fine superiore di incoraggiare lo sviluppo di una corretta cultura e di creare un ambiente libero dal rischio di punizione in quanto non incentrato sulle colpe dei componenti il sistema (addetti alle operazioni di prima linea) ma volto a garantire una esauriente e regolare interscambiabilità dei fatti riguardanti la sicurezza".

Su questo controverso verdetto è pendente il Giudizio della Corte di Giustizia Europea cui si sono rivolti i condannati.

Probabilmente non ce ne sarebbe stato bisogno se una norma, per certi versi analoga all’articolo 590-sexies fosse stata promulgata a suo tempo.



[1] Il 90,5% dei medici di pronto soccorso ha praticato almeno un comportamento di medicina difensiva durante l'ultimo mese di lavoro. Tra questi, il 77,7% ha richiesto esami di laboratorio non necessari; il 72,8% ha inserito annotazioni inutili in cartella clinica; il 67,3% ha richiesto consulenze di altri specialisti non necessarie; il 64,1% ha richiesto esami invasivi inutili ; il 63,3% ha richiesto un ricovero non necessario solo per assecondare le pressioni dei familiari del paziente. Sono questi i principali risultati di una ricerca condotta dall'Universita' Milano-Bicocca, in collaborazione con l'Usl della Valle d'Aosta e l'AcEMC ( Academy of Emergency Medicine and Care).

Legge Gelli testo definitivo

Seminario Cassazione Sinistri Aeronautici (vedi Cagliari)

 

 

0
0
0
s2sdefault
Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Registrazione nuovi utenti per commenti

Collaborazioni